Escursioni sulla Neve, Trekking

05/12/2018 Periplo del monte Grem

05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
05/12/2018 Periplo del monte Grem
Informazioni Sintetiche:
Percorso: Periplo del monte Grem
Tempo Escursione: 4 ore e 24 minuti
Distanza: 12,14 Km
Ascesa: 990 metri
Discesa: 991 metri
Quota massima: 2050 metri metri
Quota minima: 1367 metri
Segnavia: CAI 233 e tracce
Difficoltà: EE

Raggiungo il Passo di Zambla circa alle otto del mattino. La giornata è bellissima e il sole si riflette sulle cime circostanti… M’incammino sul sentiero CAI 223, dapprima in falsopiano lungo la strada sterrata. Il sentiero prosegue poi nel bosco, tra faggi secolari e bellissimi scorci sugli abitati di Oneta e Zambla con l’Alben fa capolino, mostrando gli ultimi spruzzi di neve nelle zone d’ombra. Proseguo sul sentiero coperto dalle foglie, con una giornata che si rivela sempre più calda ad ogni passo. Tra una foto e l’altra raggiungo la Baita di Mezzo (m.1467) e i resti delle vecchie miniere di calamina che caratterizzavano il Grem, cosi come le montagne circostanti. Alcune pozze d’acqua visibili, ghiacciate, servono come abbeveratoi per gli animali durante la stagione estiva. Dopo circa un’ora spunta alla mia vista Baita Alta (m.1631) , dove un bellissimo panorama che spazia sulla Val Seriana mi invita a fermarmi per alcuni filmati con il mio “moscone”.

Riparto, abbandonando il sentiero CAI 223 che prosegue a destra in direzione del Bivacco Mistri e piego invece a sinistra, in direzione all’evidente crinale erboso che sale ripido verso la cresta. Con non poco fatica raggiungo quest’ultima e finalmente trovo la neve! Nonostante la bella e calda giornata la “traccia” è congelata e la neve è schiacciata dal passaggio dei tanti escursionisti. Cercando i tratti di “fresca” procedo senza mettere i ramponi lungo il largo crinale fino a raggiungere la croce di vetta , posta a metri 2049 e posata nell’agosto del 1962. Ora il panorama spazia sulle montagne orobiche…! Il Grem , proprio per la sua posizione posta a spartiacque tra le valli, permette una visuale stupenda su tutte le Orobie Bergamasche.

Dopo una breve pausa riparto, scendendo dal versante opposto della montagna e prestando la massima attenzione al ghiaccio. Raggiungo la sottostante Bocchetta di Grem (m.1976) e su neve smollata, in un’ambiente dove predomina il bianco, arrivo al vicino Bivacco Mistri. Un segnavia indica il sentiero CAI 223, che in circa 15 minuti di comodo cammino mi riporta alla Baita Alta di Grem e al sentiero comune all’andata.

Altra splendida giornata tra le montagne!