Trekking

15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso

15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
15/12/2018 Periplo del Pizzo Rabbioso
Informazioni Sintetiche:
Percorso: Periplo del Pizzo Rabbioso
Tempo Escursione: Circa 2 ore e 20 minuti
Distanza: 6,73 km
Ascesa: 606 metri
Discesa: 615 metri
Quota massima: 1221 metri
Quota minima: 701 metri
Segnavia: CAI 597 – CAI 594
Difficoltà: E

La voglia di guidare non mi aiuta… La giornata gelida e il fatto che sono da solo sono un buon deterrente e mi convinco a fermarmi a Bracca, per un’escursione “di ripiego” vicino a casa. Mi incammino, cercando di non congelare vista l’agghiacciante temperatura di meno 5, dopo avere parcheggiato nei pressi del campo sportivo, punto più alto del paese. Il segnavia CAI 597 indica chiaramente la mia destinazione e mi invita a piegare a destra. Risalgo la larga carrareccia e dopo pochi metri un piccolo cartello, che riporta la scritta “Pizzo Rabbioso”, mi invita di nuovo a piegare a sinistra. Lo assecondo, felice di provare questa variante non segnalata sulle carte. Il sentiero sale ripido, inizialmente ben segnalato, poi come al solito… Mancano i bolli! Proseguo comunque per intuito lungo le tracce presenti sbucando ad un’ampio colletto panoramico e ad un panchina che invita al riposo. Piego a sinistra e proseguo il falsopiano per circa dieci minuti, fino a raggiungere la bella struttura chiamata Casel Fontana Bruga, posto alla mia sinistra. Abbandono il segnavia CAI 597 e piego decisamente a destra, risalendo la dorsale erbosa che porta all’antecima dell’ormai visibile Pizzo Rabbioso.

Con un’ultimo sforzo ne guadagno la vetta (facendo attenzione all’erba congelata) e a metri 1130 trovo una croce formata da due penne d’alpino, intrecciate tra loro. Dopo la ripida salita capisco perché questa montagna è chiamata Pizzo Rabbioso! Mi fermo alcuni istanti a scattare alcune foto e per alcuni filmati con mio moscone, nonostante l’aria gelida. Il panorama è bellissimo, in cielo non c’è una nuvola, ma la poca neve presente sulle Orobie rende le nostre montagne troppo “arancioni” per questa stagione. 

Dopo pochi minuti torno sui miei passi fino al già citato Casel Fontana e questa volta proseguo a destra, continuando per un tratto pianeggiante fino alla località Fenii e alla sua bellissima struttura. Il percorso continua in falsopiano, ora ben segnalato, portandomi alla vicina Croce di Bracca, posta a metri 937 e punto panoramico sul sottostante abitato. Da qua un ripido sentiero mi riporta al punto di partenza, chiudendo il giro ad anello dopo meno di tre ore di cammino.  

Due minuti di volo sul Pizzo Rabbioso e la Croce di Bracca.