Escursioni sulla Neve, Trekking

21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello

21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
21/02/2019 Costa Serina – Monte Suchello
Informazioni Sintetiche:
Percorso: Costa Serina – Monte Suchello
Tempo Escursione: 2 ore e 40 minuti
Distanza: 6,55 km
Ascesa: 750 metri
Discesa: 748 metri
Quota massima: 1531 metri
Quota minima: 920 metri
Segnavia: CAI 519A – CAI519
Difficoltà: E

Questi ultimi giorni hanno regalato alle valli bergamasche un piccolo assaggio dell’imminente primavera, ormai alle porte. In compagnia di Roberta decidiamo di salire al Monte Suchello, modesta montagna posta in Val Serina e dirimpettaia al monte Alben. La nostra partenza è la frazione di Costa Serina, presso il Santuario della Neve, conosciuto anche come Santuario della Forcella per la sua storica posizione strategica di snodo tra le valli. Il sentiero, marchiato dal segnavia CAI 519A, risale ben segnalato lungo la scalinata presente alle spalle dello stesso. Dopo quasi mezz’ora di cammino raggiungiamo le stalle di Aral. Il panorama si apre per alcuni minuti, mostrando la bellezza di questo luogo, più meta di contadini e valigiani che di escursionisti. Noi costeggiamo le bellissime strutture fino a raggiungere una pozza d’acqua ghiacciata, e sempre lungo il sentiero ben segnalato pieghiamo a sinistra rientrando nel bosco.

La nostra passeggiata continua nel silenzio e nella magia di questo luogo “solitario”, pace rotta solo dal crepitare degli scarponi sulla neve. Sempre in costante salita e prestando attenzione ai tratti di neve ghiacciata raggiungiamo il piccolo ma caratteristico “Baitèl del Gustì”, dove a vedetta troviamo un piccolo alpino, scolpito in tronco d’albero. Il panorama torna a spaziare, questa volta regalando un quadro sulla Valle Imagna e Brembana e sulle sue imponenti cime, dove tra tutte spiccano il Resegone e le Grigne. Risaliamo seguendo la traccia nella neve, sempre tra ampi zig-zag, fino a sbucare al limitare del bosco. Pieghiamo a destra dove un’ultimo tratto di cresta, facile e larga, ci porta ai 1541 metri e alla sommità di questo panettone erboso, dove ci attende una grande croce in ferro e un bellissimo panorama sulle valli bergamasche.

Il ritorno avviene sul percorso comune all’andata.