Trekking

16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro

16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
16/04/2019 Castello Regina e Pizzo Cerro
Informazioni Sintetiche:
Percorso: Castello Regina e Pizzo Cerro
Tempo Escursione: Circa 2 ore
Distanza: 6,31 km
Ascesa: 525 metri
Discesa: 520 metri
Quota massima: 1424 metri
Quota minima: 1007 metri
Segnavia: CAI 596 e Tracce
Difficoltà: E

La giornata non è delle migliori, ma dopo dieci giorni di pioggia la voglia di andare in montagna è comunque troppa. Decido cosi per un giretto sul “Castello Regina”, montagna della Val Brembilla posta a spartiacque tra il monte Sornadello e il Pizzo Cerro.

La vetta del Castello Regina domina i pascoli e i prati sui quali sorgono i casolari di Vettarola e di Sussia Alta, patria della famosa guida alpina Antonio Baroni. Dal borgo di Catremerio (m. 988) imbocco il sentiero che si snoda poco al di sopra della chiesa Parrocchiale. Dopo circa mezz’ora di cammino raggiungo un valico, dove diversi segnavia indicano le direzioni possibili. Piego a destra con chiare indicazioni per il Castello Regina (CAI 596), proseguendo fino raggiungere l’ampia cresta che sovrasta una postazione di caccia e successivamente un roccolo privato. La percorro senza difficolta fino a raggiungere il punto più ripido della mia gita dove con brevi e divertenti passaggi tra le rocce raggiungo la vetta. Sulla cima, a metri 1424, trova posto una spartana croce in legno e un bellissimo panorama sui vicini monte Zucco, Sornadello e Pizzo Cerro.

Scattate le foto di rito torno sui miei passi fino al valico precedentemente citato. Il tempo regge ed essendo ancora nei tempi decido di piegare a destra e raggiungere il vicino Rifugio Lupi di Brembilla e il Pizzo Cerro. Ritorno sui miei passi circa a mezzogiorno.