Trekking

04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna

04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
04/07/2020 Giretto al Pizzo Zerna
Informazioni Sintetiche.
Percorso: Carona – Val Sambuzza – Pizzo Zerna
Tempo Escursione: 5 ore e 30 minuti
Distanza: 20,36 km
Ascesa: 1457 metri
Discesa: 1462 metri
Quota massima: 2573 metri
Quota minima: 1100 metri
Segnavia: CAI 210, CAI 208 e tracce
Difficoltà: EE

Oggi con Andrea e Matteo decidiamo per un giretto sul Pizzo Zerna, nella bella e incontaminata Val Sambuzza. Partiamo di buon mattino da Carona e imbocchiamo il segnavia CAI 210, percorso ben conosciuto che porta ai rifugi Longo e Calvi. Oltrepassato il borgo di Pagliari una ripida traccia (che non conoscevo), ci invita ad abbandonare la noiosa carrareccia. Risaliamo ripidi nel bosco tra le fioriture e il profumo dei Maggiociondoli, costeggiando delle bellissime baite ristrutturate, tutte adagiate in posizioni panoramiche. Dopo circa mezz’ora di cammino raggiungiamo il torrente Sambuzza e ci raccordiamo al segnavia CAI 208, che risale in direzione del Passo del Publino.

Un’altra mezz’ora di cammino ed ecco apparire la “Casera di Valsambuzza“, struttura di proprietà del gruppo Amici Escursionisti di Sforzatica. Ci fermiamo per una breve pausa, per poi riprendere il sentiero CAI che con un’ultimo strappo ci porterà alla testata della valle. Gli alberi si diradano e il panorama si apre alle montagne della zona: sopra di noi spicca la cupola erbosa del Monte Chierico. Noi pieghiamo a sinistra, restando fedeli al tracciato. Tra scrosci d’acqua e cascatelle, fiori e farfalle, risaliamo la valle scoprendo le sue bellezze passo dopo passo. Poco prima del lago Matteo decide di fermarsi, e mentre raccoglie qualche foglia di Paruch io e Andrea proseguiamo, puntando alla cima dello Zerna.

Di buon passo raggiungiamo il Lago di Valsambuzza, che lasciamo alla nostra destra per risalire il sentiero che, tra ampi zig zag, conduce dapprima al Bivacco Pedrinelli, antica struttura risalente alla Grande Guerra e ripristinata dal Gruppo Amici Escursionisti di Sforzatica. Pochi metri sopra di noi troviamo il Passo del Publino e una vista impagabile sull’alta Valtellina e la Val Grande, che tra giochi di nuvole e sole ci regala “cartoline” su tutta la corona alpina. Non resta che seguire la cresta, che con scorci fantastici sul sottostante Lago del Publino, posto 500 metri più in basso, in circa mezz’ora ci porterà alla cima di questa bellissima montagna. Ad attenderci a 2572 metri una piccola croce in ferro battuto, e un panorama impagabile a fil di cielo…

Il ritorno avviene sul percorso comune all’andata.