Trekking

29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori

29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
29/07/2020 Capanna 2000 e Sentiero dei Fiori
Informazioni Sintetiche.
Percorso: Rifugio Saba – Capanna 2000 – Sentiero dei Fiori
Tempo Escursione: 4 ore e 29 minuti
Distanza: 12,69 km
Ascesa: 805 metri
Discesa: 807 metri
Quota massima: 2002 metri
Quota minima: 1507 metri
Segnavia: CAI 222
Difficoltà: E

La Val Serina e le sue montagne sono sempre un luogo bellissimo e affascinante, in qualunque stagione. Questo afoso 29 luglio mi vede, in compagnia di Roberta, alle pendici del Pizzo Arera. La nostra partenza è la località “Plassa”, a Oltre il Colle, un tempo punto di arrivo degli impianti sciistici. La carrareccia risale la valle regalando scorci sulle vette della zona: i monti Menna, Arera, Grem e Alben. Questa ripida strada jeepabile, utilizzata anche dai gestori del rifugio (e il primo sole del mattino) non lasciano tregua…

Raggiungiamo la Capanna dopo poco meno di un’ora di cammino. Una breve pausa e decidiamo di ripartire lungo il Sentiero dei Fiori, marchiato dal segnavia CAI 222. Tra saliscendi e stupendi panorami costeggiano le pareti del Pizzo Arera e della Corna Piana, ammirando sotto di noi, 300 metri più in basso, i verdi pascoli che contraddistinguono la Val Vedra. Le fioriture, viste le alte temperature sono ormai poche, ma il panorama e le montagne della zona valgono comunque il sudore versato. Dopo circa un’ora di cammino raggiungiamo il Passo di Branchino e il lago omonimo, perla di origine naturale. Torniamo sui nostri passi dopo una breve pausa, ricalcando il tracciato comune all’andata.