La Capanna 2000

In Val Serina, ai piedi del maestoso Pizzo Arera, troviamo ad accoglierci il Rifugio Capanna 2000, perfetto punto di partenza per le tante escursioni che si presentano nella zona, ma anche meta per una semplice passeggiata con la famiglia o per un’escursione in Mtb.

Nella stagione estiva la Capanna 2000 è raggiungibile dall’ex rifugio Saba, dove si può parcheggiare nei pressi dei vecchi impianti di risalita. Da qui si percorre il sentiero Cai 221 che in meno di un’ora porta alla struttura, oppure si segue la carrabile, che con un giro più ampio sale dolcemente in direzione del rifugio. Passo dopo passo si rivelano le montagne che, oltre al maestoso pizzo, caratterizzano la zona: sono il monte Grem, il monte Alben e il monte Menna. La struttura, posta a 1969 metri di quota, è la base ideale per escursioni di interesse alpinistico e naturalistico. Da 25 anni è gestita dalla famiglia Rizzi, che accoglie gli avventori in un luogo che, per loro, è ormai casa.
“Mio marito ha iniziato a lavorare in questa zona negli anni ’80, quando ancora erano presenti i vecchi impianti da sci. In seguito alla chiusura di quest’ultimi ha rilevato la Capanna, e li è cominciata la nostra avventura. – Commenta Patrizia. – In rifugio ci danno una mano anche i nostri tre figli, che sono sempre presenti e contribuiscono alla gestione”.
La Capanna è facilmente raggiungibile da famiglie e bambini, un’ottimo punto di partenza per le bellezze che caratterizzano la zona. “Bisogna comunque ricordare che è un rifugio in quota, con le caratteristiche di una struttura situata a 2000 metri. Ecco perché è sempre molto importante informarsi sulle condizioni meteorologiche”.
Rinomata e conosciuta in tutte le valli è la cucina proposta dal rifugio, curata da Patrizia sotto ogni particolare. “Non abbiamo un menu fisso, tranne che per qualche piatto come i pizzoccheri, lo stinco, il cervo, il cinghiale e naturalmente polenta, formaggi e salumi. I primi piatti cambiano sempre, prediligendo i prodotti tipici che ci offre il territorio. Il nostro punto forte sono i dolci, da sempre apprezzati dai nostri avventori e che preparo personalmente ogni mattina”.

Altri punti di partenza per raggiungere il rifugio sono da Valcanale, in Val Seriana, lungo i sentieri Cai 220 e 218 che toccano il rifugio Alpe Corte e il Lago Branchino. Oppure da Roncobello, in Val Brembana, dove posteggiando alle Baite di Mezzeno è possibile imboccare il segnavia Cai 219 fino al passo Branchino. Da qui, attraversando il Sentiero dei Fiori, si raggiunge la Capanna in circa due ore di cammino.